mercoledì 29 aprile 2020

Fitch taglia rating dell'Italia, pesa impatto del coronavirus

Fitch taglia il rating dell'Italia a BBB-. L'outlook è stabile.

"Il downgrade riflette il significativo impatto del coronavirus sull'economia italiana e sulla posizione di bilancio". Lo afferma Fitch in una nota prevedendo una contrazione del pil dell'8% nel 2020, con un debito al 156%. L'outlook stabile riflette l'idea che gli acquisti della Bce faciliteranno la risposta dell'Italia alla pandemia e allenteranno i rischi di rifinanziamento. 

Fitch prevede una ripresa dell'economia italiana nel 2021 con un Pil in crescita del 3,7%. Lo afferma Fitch sottolineando che la "forza della ripresa al di là del 2021 è altamente incerta date le debolezze sottostanti dell'economia". Fitch prevede che la "recessione e la risposta al Covid-19 risulteranno in deterioramento di bilancio quest'anno", con un deficit vicino al 10% del Pil.

"L'Italia ha dimostrato un'ampia coesione politica nelle prime settimane della pandemia. Il sostegno per la colazione di governo è aumentato e il premier Giuseppe Conte ha rating più alto da quando ha assunto l'incarico. Comunque le tensioni politiche sono riemerse nelle ultime settimane. Riteniamo che le tensioni politiche si intensificheranno con il rilassamento graduale delle misure di lockdown e l'attenzione politica si sposterà sull'economia e la risposta comune europea alla crisi".

L'outlook del settore bancario italiano è deteriorato dopo lo shock del Covid-19: la profonda recessione amplierà probabilmente i rischi alla qualità del credito e metterà pressione sulla redditività del settore. Lo afferma Fitch, precisando che le misure di appoggio decise dal governo dovrebbero in parte sostenere la qualità degli asset e mitigare in parte l'impatto negativo sulle banche.


Nessun commento:

Posta un commento